L’omo e la scenza

118
RUGANTINO n. 12850 del 17 agosto 2010
di Giulio Riccomagno

L’òmo oramai cià piena conoscenza
der campà che s’alllunga e la cuccagna
è solamente sua, ché ce guadagna
l’assegno a vita de la previdenza.

Ma l’urtima trovata de la scenza
mette in crisi li frutti e la campagna:
er magnà è «transiggenico» e se magna
dar chimico che fa la differenza.

Si ‘sta battaja contro la natura
fosse aperta perché campamo troppo
vordì che sotto c’è la fregatura.

E si ‘sto macchiavello fosse nato
perché arivanno a un secolo ar galoppo
se slargherebbe er bucio de lo stato?