Lo spaventapasseri

146
RUGANTINO n. 12885 del 19 aprile 2011
di Giorgio Roberti

Omo senz’omo, un’anima de paja,
’na grinta finta sotto ar cappellaccio;
vorrebbe fà paura ma è ’no straccio
smosso dar vento immezzo a la sterpaja.

A vedello così, come un pajaccio,
ormai nun c’è più ucello che se squaja.
Er beccaccino, er passero, la quaja
je fanno li bisogni sopra ar braccio.

Buffo, avvilito, pare la memoria
d’un vecchio dittatore de cartello
vinto da le pernacchie de la storia.

E quanno che la freccia de Cupido
tormenta li volatili, un cardello
j’arivorta er cappello e ce fa er nido.