Lo sfraggello

37
di Iside Martufoni

Embè, vedemo chi è che se permetta
d’appoggià un deto addosso a ’na signora!
Nun fo pe dì, però è arivata l’ora
de mette fine a tale barzelletta.

Queli marpioni de l’infame setta
vadino artrove a rompe li cojoni.
Parola mia che nun so’ Martufoni
si nu’ me godo in pieno la vendetta.

Tanto pe fà un esempio: a Peppe er Greve,
dato che nun cià un’ogna de creanza,
lo vojo sistemà come se deve.

Poi tocca ar Tormarancio, poi ar Tufello
e a quelli che me stanno su la panza;
’stavorta je combino ’no sfraggello.