Lo sfogo d’un governante

307
RUGANTINO n. 12930 del 28 febbraio 2012
di Gianni Salaris

Dar giorno che, da micco, ho acconsentito
a metteme ar timone der governo,
ve giuro, quant’è vero er Padreterno,
che da quer giorno io magno er pan pentito.

Volevo dà ar decreto che ho imbastito
su lo sviluppo un «tajo» più moderno
e mo sconto pene de l’inferno
p’er fatto che nissuno l’ha capito.

Me lo sai dì che cianno da incazzasse
’sti sinnacati da li schemi muffi
si nun ce sta un bajocco ne le casse?

Dov’era un mare de lingotti d’oro
mo trovi le montagne de li buffi
fatti in vent’anni co la firma loro.