Libertà… s’ha da strillà

20

In Romania l’elettori so’ diciannove mijoni, ma solo la metà s’è presentata ar primo turno de le presidenziali; mo se va ar ballottaggio e propio er numero de li votanti è quello che ’n se sa de ’n voto che è tutto p’er capo de lo stato che sta a uscì, er conservatore Klaus Johannis, che parte co ’n margine de quinnici punti percentuali e mezzo su la sfidante Viorica Dancila, capo der governo che è stato sfiduciato dar parlamento un mesetto fa. A l’elezioni distrettuali de Hong Kong invece ha partecipato ’n fottio de gente e già ne le prim’ore se supera er risurtato de l’intera votata precedente. Benanco li consiji nun conteno granché, visto che ponno parlà ma nun cianno poteri de fatto, l’occasione cià ’n forte significato simbolico, perché ’n orientamento popolare a favore de le rivennicazioni democratiche dovrebbe contà su li modi de gestì le proteste che oramai da sei mesi agiteno sta modesta entità locale de l’immenso impero cinese.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

 Ne la foto: le facce de la protesta a Hong Kong