Li tribboli der colonnello

150
RUGANTINO n. 12888 del 10 maggio 2011
di Gianni Salaris

Mentre imbocchi la strada pe Canossa
aripenzo a quell’aria da screpante
che hai sfoggiato in tivvù, sotto er turbante,
er giorno prima d’abbuscà la sbiossa.

Preso com’eri a fà la voce grossa
pe ridà linfa a l’illusioni sfrante,
più che un arfiere de le guere sante
parevi Sandocanne a la riscossa.

L’amico tuo, quer cavajer galante
ch’è ner mirino d’ogni toga rossa,
stavorta ha fatto orecchie da mercante.

L’hai da capì: de rogne ce n’ha tante;
poteva mette un piede ne la fossa
pe sarvà er culo d’un raìs ruspante?