Li sogni de Conculina

111
RUGANTINO n. 12879 del 08 marzo 2011
di Luigi Torini

La gente lo chiamava «Conculina»
perché dormiva co’ ’na boccia a letto
e come opriva l’occhi la matina
lui se faceva subbito ’n goccetto.

Aripeteva spesso a ’na vicina:
– So’ stato sempre povero, l’ammetto,
ma si mo vinco a’ lotto ’sta cinquina
vojo da tutti er massimo rispetto.

E quanno so’ stimato e conosciuto
fonno er partito «Er caratello pieno»,
così pô beve chi ’n ha mai bevuto.

Saremo li padroni der destino,
ciavremo sempre l’animo sincero
e le funtane butteranno vino.