Li nodi de la ricostruzione

78

Amancheno ottantotto metri perché er ponte novo de Genova sia tutto visibile in linea e er sinnico Marco Bucci nun annisconne le speranze e l’ambizioni sue: ce piacerebbe si l’urtima campata der viadotto sur Polcevera fusse inaugurata er 25 aprile, in quer giorno che pe tutt’er paese è la festa de la liberazione e che pe la nostra città potrebbe diventà la festa de la ricongiunzione der levante cor ponente co ’n’opera tanto attesa. Sur fronte politico e economico s’affaccia ’n’antra ricostruzione approvata dar parlamento europeo cor margine de ’na ventina de voti appetto a la maggioranza assoluta. Se so’ verificate spaccature significative sur meccanismo de stabilità fatto vede dall’eurogruppo pe la paura che un domani li beneficiari ne possino sopportà forti penalizzazioni: a favore li socialisti, li democratichi e guasi tutti li popolari e li liberali; contro li cosiddetti sovranisti, li conservatori, li verdi che nun se so’astenuti e parecchi de la sinistra unita.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Marco Bucci