Li gradiatori pe modo de dì

26
di Peppe er Greve

Da un po’ de tempo mastro Rugantino
dà spazzio sur giornale a certa gente
bona sortanto a scrive indegnamente
monnezza e poi spaccialla pe oro fino.

L’ho detto già ’na vorta? Nun fa gnente!
Visto che dura er solito casino
de chi se sente erede de Pasquino,
ma che nu’ je somija un accidente,

me tocca ripricallo mille vorte;
pe limità un pochetto le stronzate
sficate a serte da ’ste fregne morte.

Ne sanno sbuzzicà d’ogni colore,
sibbé che in tante teste illuminate
nun ce se trovi mezzo gradiatore.