Li consiji de la madre

22
di Willy Pocino

– St’attenta fija mia, st’attenta fija,
quanno che sorti assieme a Sarvatore,
ricordetelo sempre che l’onore
perso una vorta poi nun s’aripija.

Da’ retta a mamma tua che te consija:
st’accorta quanno lui prenne calore,
quanno te strigne un po’ più forte ar còre
e vedi che te fa l’occhi de trija!

In quer momento mettece attenzione
e nun hai da cascà ner trabbocchetto
si vòi che te mantenghi affetto e stima.

– A mà, – dice la fija – ciai raggione,
ma ’sti consiji, Cristo benedetto,
me li potevi dà un par d’anni prima!