L’eroe assediato

109
RUGANTINO n. 12847 del 27 luglio 2010
di Anselmo D’Andrea

‘Sti giorni Roma mia è propio un forno,
pe gode un po’ de fresco ar naturale
annassene ar Giannicolo è normale;
Garibbardi ce passa notte e giorno.

Lo vedo pensieroso, smiccia attorno;
dev’esse p’er parcheggio sur piazzale:
l’eroe che ha messo assieme lo Stivale
dovrebbe guardà machine? Ma un corno!

Indomito, lassù, sur piedistallo,
a mezzogiorno, ar corpo der cannone,
immaggino che va, sprona er cavallo,

poi entra ne la mischia e dà battaja
a chi j’ha messo attorno la priggione;
ma cor penziero nun ce s’arza paja.