A un omo de parola

145
RUGANTINO n. 12843 del 39 giugno 2010
di Nella Bruneri Giaconi

M’avevi detto: – Annamo a le Pontine,
quanto me piacerebbe, so’ un incanto,
figurete che inzogno co te accanto,
stanno a un tiro de schioppo, so’ vicine. –

Davanti a ste parole zuccherine
je faccio: – Caro amore, t’amo tanto,
sei un bronzo de Riace, sei ‘no schianto! –
e daje sotto a faje le moine.

Ho visto che sei un omo de parola.
A forza de penzà, penza e riponza,
te sei messo la solita cappiola:

piji tu’ moje e te la porti a Ponza
fregannote de me che sola sola
so’ rimasta qui a Roma a fà la stronza.