Le donne

18
di Enrico Sbordoni

Le donne, fijo, so’ tutte compagne:
’ste boia, prima allumeno er merlotto;
je fanno sentì’ er dorce e, quann’è cotto,
cacceno fòra tutte le magagne.

Si, per un caso, nun so’ propio cagne,
quarch’antro imbrojo ce sta sempre sotto,
che te lo vedi uscì’ tutto d’un botto,
finito appena er tempo de’ le smagne.

L’omo lo sa; ma quanno è incecalito,
quanno je s’è rimosso er tenerume,
nun c’è più antro, è bello che connito.

S’imbecillisce, nun vede più lume,
je pare de toccà’ ’r cèlo co’ un dito
e, invece, avrebbe da buttasse a fume.