L’attore

207
RUGANTINO n. 12856 del 28 settembre 2010
di Renato Merlino

Quattro pareti finte, ’na schiarita
d’un rifrettore che te sbatte in faccia;
reciti la commedia e tra le braccia
strigni ’na marionetta senza vita.

Te fionni dentro ’n’epoca sparita;
voressi scantonà, ma ciài ’na traccia
che te tiene pe’ mano e te rinfaccia
la pausa, ogni entrata, ogni sortita.

A vorte piagni e invece sei contento,
a vorte ridi e invece senti er pianto;
mascheri er viso, mascheri er tormento.

Quanno er sipario cala, e ar tempo stesso
un battimano vola, per incanto
ritorni quer che sei: solo te stesso!