L’arte di prender moglie

171
RUGANTINO n. 12893 del 14 giugno 2011
di Trilussa

L’arte de pijà moje, da una parte,
è la cosa più facile der monno;
e Adamo e Eva quanno se sposònno
fecero tutto quanto senza l’arte…

Che ce vô a pijà moje, in fine in fonno?
Vôi sposà ’na regazza? Fai le carte,
vai in chiesa, a Campidojo, poi se parte
pe’ fà tutte le cose che ce vonno.

Ritorni; doppo un anno, a bon bisogno,
te nasce un pupo che nun t’assomija,
quattro cazzotti… e questo è er matrimogno.

Ma noi de ’st’arte ce n’avemo tanta:
nun volemo sapé come se pija,
voressimo sapé come se pianta.