L’amico

15
RUGANTINO n. 12969 del 27 novembre 2012

di Giorgio Roberti

Quanno te senti male prego Dio
che te faccia guarì la malattia,
vojo più bene a te che a mamma mia
e tu stai bene si sto bene io.

Tradisci? Ammazzi? Rubbi? Fai la spia?
Io te difenno sempre, amico mio.
Te compatisco come fussi un fìo,
te perdono qualunque porcheria.

Si ciò le fregne tu ciài le madonne,
annamo a cena co la stessa gente,
annamo a ninna co le stesse donne.

Pure a l’inferno me veressi appresso,
fedele amico che nun chiedi gnente,
compagno inseparabbile: me stesso!