La sigheretta

26

Dicheno che ciò l’anima assassina,
che so’ più velenosa d’un serpente
perché do er benzervito a tante gente
co un’ogna de catrame e nicotina.

Ciò tanti de quell’anni su la schina,
eppuro nun ho mai commesso gnente;
e, guardacaso, mo improvisamente
sarebbe rea de ’na carneficina.

In giro ce so’ maghine a mijoni
che scaricheno fior de zozzerie,
eppoi so’ io che rompo li… pormoni?

Le fabbriche, l’antenne, le centrale
sparpajeno millanta malatie:
e, quann’è lì, so’ io che fo der male?