La scalata de Joe

26

Ne l’Usa le proiezioni so’ pe Joe Biden che sale a quinnici punti su Donald Trump e gode der cinquantacinque per cento de le preferenze; l’osservatori spiegheno che potrebbe esse ’n effetto pandemico. Nun è pe caso ch’er presidente s’è fatto vede in pubbrico mettennose la mascherina; ’n antro rimedio a la caduta de popolarità se cerca co l’annuncio de li telecomizi pe la campagna elettorale: se chiameranno Trump rallies e ne l’attese de li promotori dovrebbero attirà l’attenzione de parecchia gente disposta a staje dietro. Quanto ar cannidato democratico er tycon nun fa a meno de pesanti apprezzamenti: Joe è ’na persona anziana e instabile, distrutta de capoccia, in mano a la sinistra radicale e socialista che vò distrugge er paese e ariducelo come er Venezuela; nun riesce a mette du’ frasi assieme, nun sa d’esse vivo. Sta de fatto che la rielezione è contrastata da li stessi repubbricani riuniti in gruppi vari che stanno a investì mijonate de dollari sur foco amico.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: facciata ovale de la Casa Bianca