La repubbrica presidenziale

130

A la fine der consijo federale de la Lega, er segretario Matteo Salvini dice chiaramente che vò er tajo de li parlamentari: si ‘r popolo italiano lo confermerà, è evidente che er parlamento sarà svergognato ancora de più; non pò stà che va a elegge er presidente de la repubbrica. La modifica costituzionale voluta dar Movimento cinquestelle nun è più legata a fatti economichi o de immagine, ma viceversa viè letta come un primo passo p’er passaggio a ‘na repubbrica presidenziale: si le camere nun rappresenteno più er popolo, sarà questo a esprime direttamente er capo de lo stato. Pe ‘na curiosa coincidenza, er ragionamento leghista viè spiegato ner quinto anniversario de l’elezione de Sergio Mattarella, che tre giorni appresso salì ar Quirinale dopo ch’ebbe giurato a Montecitorio. Pe la cronaca, amancheno du’ anni a la scadenza der mannato e tre a la fine naturale de la diciottesima legislatura.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: er presidente Sergio Mattarella