La quistione cinese

56

Joe Biden seguita la marcia verso la cannidatura democratica e conquista puro l’Ohio, ma se ferma a la soja de guasi er settantaquattro per cento lassanno un quinnici bono ar senatore der Vermont Bernie Sanders, premiato da li sostenitori sua benanco la rinuncia recente sua. Ne la campagna elettorale c’entra la quistione cinese come contromossa repubbricana pe costrigne l’avversari a pijà posizioni più capoccione; ma è su Mike Pompeo che s’appunteno le reazioni de Pechino a l’accuse lanciate da l’istessa Casa Bianca. Li toni verso er segretario de stato so’ veementi: è un nemico de l’umanità, ’n untore de vìruse politico che fa ’na dipromazia parecchio velenosa, ’n oscuro diffusore de spettegolezzi. Sta de fatto che er contagio nun fa sconti: l’urtimo a cascà ne la positività der test è er premier russo Mikhail Mishustin, che cede le funzioni ar vice suo Andrei Belousov, ner tramente ch’er presidente Vladimir Putin j’augura de continuà a dialogà co tutto er governo.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Andrei Belousov