La morte d’un drogato

308
RUGANTINO n. 12926 del 31 gennaio 2012
di Gianni Salaris

Comprò la droga da ’no sconosciuto,
poi prese la siringa e strinse er laccio;
ma appena l’ago je puncicò er braccio
je s’appannò la vista e… te saluto!

A la Commare j’abbastò un minuto
pe portasselo via come uno straccio
e chiude er conto co ’sto poveraccio
che ner domani nun cià mai creduto.

Chi piagnerà ’sto corpo inanimato
e coll’occhi invertiti a fà da specchio
a un friccico de luna inargentato?

Forse dedietro ar dramma d’un drogato,
che a diciottanni già pareva un vecchio,
ce s’annisconne un monno avvelenato.