La moje poliglotta

150
RUGANTINO n. 12863 del 16 novembre 2010
di Gino Castellani

– Ma guarda si che straccio de pretese!
M’ho da stà zitto: e come ciariesco?
’Na vorta fai la cicia co’ un francese,
’na vorta fai la scema co’ un tedesco…

T’hanno visto persino co’ un inglese
de sera giù pe’ l’Appia a… pijà er fresco.
Poi ciarisemo: ariva er nono mese,
la mammana, er battesimo, e’ rinfresco.

Ecco indò sta la chiave der mistero!
Ecco perché li fiji che ciavemo
cianno tutti un socché de forestiero!

Manca un negretto! E venga: che m’importa!
Vordì che appena ariva metteremo
la bandiera dell’Onu su la porta!