La matina de Pasqua Befania

114
RUGANTINO n. 12871 del 11 gennaio 2011
di Giuseppe Gioachino Belli

Ber vede è da per tutto sti fonghetti,
Sti mammocci, sti furbi ciumachelli,
Fra ’na battajeria de giucarelli,
Zompettà come spiriti folletti!

Arlecchini, trommette, purcinelli,
Cavallucci, sediole, ciufoletti,
Carrettini, cuccù, schioppi, coccetti,
Sciabbole, barrettoni, tammurrelli…

Questo porta la cotta e la sottana,
Quello è vistito in càmicio e ppianeta,
E quel’antro è uffizzial de la befana.

E intanto, o pprete, o chirico, o uffizziale,
La robba dorce je tira le deta;
E mamma strilla che ffinisce male.