La Lungara

165
RUGANTINO n. 12896 del 05 luglio 2011
di Carmine Martino

Un pettine de strade lunghe e strette
tra er colle, parcoscenico gioioso,
e murajoni che se vorze mette
si er Tevere nun score sonnacchioso.

È la Lungara, ’na vorta via maestra
che ha visto Raffaello, la matina,
arzà lo sguardo verso la finestra
ch’era l’affaccio de la Fornarina.

Passava poi pe’ l’Arco Settimiano
in fronte all’Orto e pe’ la Farnesina;
arisognava tutto co’ la mano

facenno ninfa ’na tresteverina.
E doppo er Coeli, entranno in Vaticano,
dava a Platone faccia malandrina.