La gattaliena a Roma

64
RUGANTINO n. 12838 del 25 maggio 2010

di Paolo Procaccini

Fo un frego de foto co un baffo de vetro:
funtane de schizzi, li piatti der giorno,
colonne a li scavi, turisti a Sanpietro,
musei, automobbili e dive der porno.

Ciò Fiume, er governo e chi ce sta dietro,
er sole, er bollore che dà a mezzoggiorno,
la gente che sorte a ’gni entrata de metro,
le guje, le cuppole, er pane de un forno.

Ma poi, pe’ nun fà la figura de gnocca,
reggistro e me imparo la lingua locale
e prima de damme cor razzo spazziale

nun me ne fo accorge, ma io, locca locca,
m’arubbo un micione che sta ar Culiseo,
ce faccio famija e lo sposo su Meeo…