La cura sbajata

40

Doppo quindici giorni de deggenza,
passati a cunnolà la convinzione
de fasse lipperlì l’operazzione,
Ottavio diede segni d’impazzienza.

Accarezzò l’idea de la fughenza
perché penzava: «Quarche cervellone
dovrebbe risanà ’sto carozzone
che naviga ner mar dell’indecenza.

Io te farebbe vede, co du’ botte
sistemerebbe tutto in un momento:
’na bella ripulita e… bonanotte».

Ma sai come fenì ’sta maratona?
Er luminare j’azzeccò la cura:
solo che je tajò la gamba bona!