La badante

27

Da quanno che j’ho messo la badante
mi’ nonno, che lo possinammazzallo,
è diventato vispo come un gallo
e ha riscoperto er gusto de l’amante.

’Sta tizzia, che cià er fisico sciarmante,
ormai s’è messa in testa d’adottallo:
lo provoca pe mantenello in callo
e lui trova quer gioco entusiasmante.

Ma lei cià trentun anni e lui novanta
e, datosi che s’è rincojonito,
nun carcola che la distanza è tanta.

Lui casca e penne: ma chi je lo dice?
Benanche ormai nun arza manco un dito,
’na cosa è certa: morirà felice.