Inzonnia

10
RUGANTINO n. 12945 del 12 giugno 2012

di Aristide Bruni

S’è fatta notte e m’ariggiro a letto,
smanio e borbotto come un disperato,
ma nun ariva er sonno sospirato
e seguito a sbuffà, nun ciò ricetto.

La luna che s’affaccia dietro un tetto
sbarbaja cor faccione inargentato;
rivedo ogni fantasma der passato,
come si m’apparisse pe dispetto.

«Perché la vita è stata così amara
e so’ sperduto ne l’oscurità
perfino si la notte è dorce e chiara?»

«Conzolete, fìo mio», me fa ’na voce
dentro de me, «nun te rammaricà:
pur io ho portato er peso de ’na croce.»