In braccio a Fiume

109
RUGANTINO n. 12852 del 31 agosto 2010
di Fernando Di Stefano

Su ’na barca sfasciata che se stacca
da Ripa Granne e affronta la corente
un omo disperato e biscredente
sfida er destino e Dio: la va o la spacca.

Porta li segni de ’na vita stracca
e le schegge der tempo ne la mente,
le speranze giocate da perdente
tutte fenite in fonno a ’na baracca.

In mezzo a un mulinello affonna, sbraccia,
se pente e lotta co ’na morte atroce…
Fiume je dà ’na mano e lo ricaccia.

La barca rovesciata va a la foce
e un omo su la sponna, che riabbraccia
la vita, se fa er segno de la croce.