Evviva l’estate

24
di Giggi Marianetti

E vedi de piantalla co’ ’sti lagni!
Ma che t’ha fatto sciopero er cervello?
’Gni tanto ho da sentì ’st ’aritornello:
– Quest’anno nun me manni a fà li bagni? –

Nun me commovi più, tesoro; piagni
quanto te pare, ché nun so’ più quello
che pe’ vedette er viso risarello
facevo ar portafojo: sfragni, sfragni!

È fenita la pacchia, cara mia;
pe’ ’st ’anno, tanto, c’è la bagnarola
ch’è bona pe’ qualunque pulizzia.

E nun insiste più che nun ammollo.
Te piace propio de fà la ciriola?
Buttete a fiume, ma… co’ ’n sasso ar collo!