Er trafichino

13

Usebbio ormai ciaveva ner penziero
la convinzione d’esse un po’ jellato
e solo Dio sa quanto avrebbe dato
p’avé un lavoro che nun fusse in nero.

Cercò de sopravvive un anno intero
co la migragna der disoccupato,
finché co un carcio in culo indovinato
fu assunto ippesofatto ar ministero.

Ma, quanno s’inzerì ne la struttura,
je venne er nervostenico e d’acchitto
se procurò ben antra investitura.

E mo, tra li marpioni de palazzo,
difenne a spada tratta er bon diritto
de chi pare che facci e nun fa un cazzo!