Er sogno der bon pastore

8

Cor nullaostia de la providenza
fo er paroco a ’na chiesa de Fumone;
so’ conosciuto come don Torzone,
però tutti me chiameno eminenza.

Dispenzo grazzie e accordo l’indurgenza
a chi se batte er petto in confessione,
doppodeché je do l’assoluzzione
assieme a la dovuta penitenza.

Quanno m’accorgo che ’na pecorella
è vittima der lupo più allupato
la strigno forte a me pe sostenella

perché ritengo sia er dovere mio;
e spiego a chi la spigne ner peccato
che penzi a sé, ché a spigne ce sto io!