Er santo paga

305
RUGANTINO n. 12929 del 21 febbraio 2012
di Stefano Ambrosi

– Tesoro mio, me manchi propio tanto!
Perché domani, ch’è San Valentino,
nun vieni a festeggià co’ me ’sto santo
e stamo a core a core un pochettino?

Me metto in tiro e tu vedrai che schianto!
Deppiù nun dico, no: fa’ l’indovino.
Solo domani pòi vedé l’incanto:
so’ annata a fatte puro un rigalino.

– Amore mio, così me fai felice;
che m’ami tanto poi ciavrei giurato.
Lo vòi sapé? Tu sei ’na tentatrice,

come pe’ Dante sei pe’ me Beatrice,
verei da te ginocchi sur serciato;
però a mi’ moje, di’, chi je lo dice?