Er primo maggio der poeta

74

– Er primo maggio, Meo, va festeggiato
come ’na festa indò se fa un festino;
ce deve stà la fava, er pecorino,
er vino a fiumi e chili d’affettato.

Ma, dato che quest’anno ho approggettato
’na sorta de simposio rugantino
co tanti vati, abbasta ’no spuntino;
vedrai che bendeddio verà buttato,

in quantoché er poeta, sarvognuno,
nutrito da le zinne de la musa,
se ispira all’arte e pratica er diggiuno. –

Defatti li presenti ar concistoro,
accorzi pe ispirasse, co ’sta scusa
se so’ magnati li mortacci loro!