Er pelliccia

256
RUGANTINO n. 12913 del 01 novembre 2011
di Er Pompieretto

Caro studente da li cento ricci
che lanci l’estintore a un poveraccio
perché volevi spegne un focheraccio…
T’hanno tanato! E mo come la spicci?

Tu padre ha detto che nun ciai capricci,
che sei studente e che nun sei un cazzaccio…
Però quanno hai slongato forte er braccio
t’hanno arestato e mo stai tra l’impicci.

Er foco nun se spegne mai, fratello,
cor fero ma co l’acqua quanno incoccia…
Quer coso lo potevi addoprà mejo,

ché l’estintore, s’eri un po’ più svejo,
te lo sbattevi tu su la capoccia
pe spegne er foco che ciai ner cervello!