Er Natale der carcerato

13
RUGANTINO n. 12973 del 25 dicembre 2012

di Armando Luciani

Si er fiato de dicembre ha ricamato
li vetri sporchi de la finestrella
la spalanga lo stesso er carcerato
pe’ rinnovà un po’ l’aria de la cella.

La sveja è già da un pezzo che ha sonato,
però luccica ancora quarche stella
che, in mezzo a tanto cêlo sconfinato,
se diverte a giocà a nisconnarella.

Ma, si pe’ ’st’aria accusì fredda e quieta
se sente tremà un sôno de campane,
ve lo potrebbe dì solo un poveta

quello che soffre er carcerato allora!
De ’ste giornate, solo come un cane,
Natale è ’na parola che l’accôra!