Er muretto de Frascati

353
RUGANTINO n. 12936 del 10 aprile 2012
di Luigi Torini

Li frascatani cianno uno spiazzetto
indove er vento sa de marvasia:
un sito fresco e pieno d’alegria
che sti burini chiameno er muretto.

È qua che vedo, propio dirimpetto
e da lontano, tutta Roma mia;
è qua che affogo la malinconia
bevenno co l’amichi un bon goccetto.

Accosto ar muro un po’ de tavolini…
cartate de supprì, canti de gente
e soni de chitare e mannolini.

E nun te dico poi de certe sere,
quanno che ho fatto er pieno e da incoscente
me metto a core come un berzajere.