Er mese de gennaro

136
RUGANTINO n. 12872 del 18 gennaio 2011
di Giuseppe Bernasconi

Gennaro viè a cavallo d’un turaccio
sparato da ’na boccia de spumante
quanno che le lancette sur quadrante
chiudeno l’anno vecchio a catenaccio.

Lo vedi entrà co l’anno novo in braccio
tramente ancora dormeno le piante,
er caminetto è acceso e schioppettante
e l’acqua de mollaccia se fa ghiaccio.

È un mese forcroristico e badiale
che porta capodanno e la befana
e ce incanala drento er carnovale.

Però ce lassa sempre co ’na sberla
quanno che ce saluta e s’allontana
cor freddo de li giorni de la merla.