Er gioco de rulette

57
di Carlo Fattorini

Ammazzete che boja la rulette!
Te fa pijà ’na voja intorcinata
finché te butti: diecimila ar sette
e ar zero venti; mamma che accoppiata!

La palla parte e gira ar mezzo trotto,
fa un par de sarti ar sette e… disgrazziata!
Risorte fora e giù t’imbocca l’otto.
Schifosa jella nera, sderenata!

E mo che er sòrdo mette le rotelle,
«Voggè, soffè, va più»… Sei sistemato!
Appena che hai finito le papelle

te sorte er sette e er zero defilato.
Te senti tanto a intorcinà la pelle
che te viè voja de morì ammazzato!