Er ghiacciarolo

124
RUGANTINO n. 12848 del 03 agosto 2010
di Luciano Luciani

Passa lungo er mercato dopp’er tocco,
va pe li banchi e chiede: – Chi vò er ghiaccio? –
S’appunta li commanni su un brojaccio,
poi se ne va pe fotte lo scirocco.

Un’ora doppo, torna locco-locco,
co la mandritta avvorta in d’uno straccio,
e, cor trapeso a spalla, in cima ar braccio,
sbologna er «freddo» in cammio der bajocco.

’Na colonna de ghiaccio ar pesciarolo,
una ar norcino, mezza a l’abbacchiaro
e una colonn’e un quarto ar frittarolo.

Cusì j’attappa a tutti la magagna…
Ché intanto ognun già sa ch’er bujaccaro
dimani viè a spiccià la martufagna.