Er dialetto mio

126
RUGANTINO n. 12889 del 17 maggio 2011
di Elisabetta Di Iaconi

Parlavo er ber dialetto de straforo
giocanno for de casa e for de scola.
E chi lo pò scordà? Io me ciaccoro
penzanno ch’ogni tanto ’na parola

lassa pe sempre ’sto linguaggio d’oro
mentre ch’er tempo boja passa e vola.
Ma so’ sicura, fino a che io moro,
d’addoprà l’espressione che conzola,

che resta sempre drento Roma bella.
’Sto dialetto sincero e rugantino
de ’na città che brilla come stella

nun sparirà, ma me starà vicino
a ricordamme l’anni de fanella
e a famme compagnia mentre cammino.