Er cortile

14

Dentr’ar cortile, ar centro de l’ajola:
du’ fili d’erba, un arbero sfronnato,
’na bagnarola, un pupo spettinato,
la madre che sta a stenne le lenzola.

Er sole orla de luce li palazzi
e spizza li scalini scorticati,
indò quattro vecchietti appennicati
s’inzogneno de ritornà regazzi.

È un sogno accarezzato tante vorte
pe vive ancora un attimo lontano,
quanno la vita je metteva in mano
la chiave per oprì tutte le porte.

Cala improviso er buio de la sera
sopra ar cortile mezzo addormentato;
un gatto griggio sgnavola sur prato
la serenata a ’na micetta nera.