Er campione

48

Me disse: – Co le carte so’ imbattibbile!
A briscola fo l’avverzario a fette,
eppoi nun discutemo der tresette:
a superamme lì nun è possibbile.

Tu me dirai che pò sembrà incredibbile,
ma io ciò ’na capoccia che rifrette,
percui contro de me nun te ce mette
dato che avanto un estro incontenibbile.

Co me nun pòi né vince né impattà;
tu damme retta a me, nun fa’ er cojone;
scanza la figuraccia e nun giocà! –

Mo, che fussi la jella o quer ch’è stato,
ar dunque ’sta gran sorta de campione
ha perso sei partite de filato.