Er bilancio

51
di Renato Ranaldi

Che penzieri me frullano stasera!
L’amichi… Mah, potemo accontentasse.
La salute… ’Mbè, c’è da lamentasse,
m’abbasta che pò annà ’sta penna a sfera.

Er negozzio… Tant’anni de galera:
adesso è diventato spese e tasse.
La vita scappa via senza fermasse
e doppo devi scegne la bandiera.

Li fiji… Sì, ciavanza quarche affetto.
L’amore fila sempre in armonia,
a parte quarche intuzzo piccoletto.

La poesia… La poesia è ’n inferno:
t’acchiappa, te rinnega, t’aripìa…
Ma sto patì vorebbe fusse eterno!