Er bagarino

34
di Giuseppe Baschieri Salvadori

Si voi me dite che so’ ’n ignorante
nun m’offenno. Nisuno ha avuto er fiato
de tenemme a lo studio e nonostante
che in d’una scòla nun ce so’ mai stato

so legge e scrive tanto ch’è bastante
pe’ fà l’affari in piazza e ner mercato;
e cose ar monno n’ho imparate tante
che me pare da esse addottorato.

Certo che, si ciavevo l’istruzzione,
adesso nun farebbe er bagarino,
avrebbe tutta ’n ’antra posizzione.

La base c’era: ’na gran volontà,
e ce l’ho avuta fin da regazzino,
de fà er signore senza lavorà.