E va’ a morrammazzato

175
RUGANTINO n. 12862 del 09 novembre 2010
di Cittadino Moscucci

A prima vista, ’sta preposizione
te fa l’effetto arquanto doloroso;
fa immagginà un côraccio da leone,
un quadro scellerato spaventoso.

Ma invece er romanesco pacioccone
lo dice sempre in modo assai scherzoso;
ce fa la chiusa de ’na discussione,
ce dà er saluto allegro e spiritoso.

In modo che tu spesso e volentieri
quanno che senti: «E va’ a moriammazzato!»
te trovi tra l’amichi più sinceri.

Pronti a menasse, pronti a fasse sotto,
’ndò c’è ’n’incannucciata o un pergolato
co’ li spaghetti, li pollastri e er gotto!