Da’ la loggetta

32
di Palmiro Baldieri

È un’ora e più che sto su’ la loggetta
coll’occhi fissi sopra ’na funtana
dove ce sta a lavà’ ’na regazzetta
bella, de ’na bellezza soprumana.

Pe’ ’ste parte, se chiama «la riccetta»;
ma er vero nome è Mimma. La mammana,
quanno che venne ar monno ’sta picchietta,
la chiamò «riccia» pe’ ’na cosa strana.

Dice che ner nascè’, ’sta ciumachella,
vennero giù dar cèlo l’angeletti
che facèrono a gara pe’ vedella.

E stupefatti, a rimirà’ quer viso,
j’appiccicorno in testa li riccetti
e doppo arivolorno in paradiso.