Da Costa a… costa

270
RUGANTINO n. 12925 del 24 gennaio 2012
di Gianni Salaris

Doppo anni de scola su un pattìno
ero riuscito a diventà quarcuno
e jersera portavo, sarvoggnuno,
la nave mia «Concordia» a fà l’inchino.

Ma appena che ’no scojo tajerino
l’ha operta e data in pasto ar dio Nettuno
io, co un coraggio che nun cià nissuno,
j’ho fatto vede ar monno chi è Schettino.

E a quer guardiamarina da strapazzo
che ha visto er mare solo in cartolina
e m’ha ordinato: – Torni a bordo, cazzo! –

je l’ho servita calla la risposta:
– Te stai a sbajà, cervello de gallina:
io sto, liggio ar dovere, su la… . costa! –