Ciao Marco

240
RUGANTINO n. 12914 del 08 novembre 2011
di Paolo Fidenzoni

La Seccaccia, ’sta vecchia buggiarona,
dietro a ’na curva ride beatamente:
nun guarda in faccia, nun sparambia gnente
e quanno scenne in pista nun perdona!

Pe scapricciasse capa un incidente
e se diverte a falla da padrona:
in prescia prescia pija e te cojona
un regazzetto, un povero innocente.

Ma er Padreterno è bòno e ha già deciso
de fallo sfreccià su, tra stella e stella,
pe daje er primo premio in paradiso…

Fratanto in tera sta a trionfà er dolore:
la vita tua, campione. è stata bella,
ma troppo presto mo smorza er motore!