Ce piove a Roma ?

152
RUGANTINO n. 12865 del 30 novembre 2010
di Pippo Di Spes

Se piove e sento fà a ’no spiritoso
«Ce piove a Roma?» e poi «Che goccioloni!»
vorebbe domannaje: me perdoni,
però co’ questo che vordì, sor coso?

Nun è che so’ un romano permaloso,
ma qui piove a seconno le staggioni
e gnagnarella, grandine o sgrulloni
fanno risprenne er sole più festoso.

Perciò ’sto ritornello nun me va
e er perché je lo canto chiaro e tonno:
sôna da minchionella a ’sta città.

Ce piove a Roma? Embè, me dica indove
se trova quarche sito, in tutt’er monno,
che er cêlo nun s’ingrugna e nun ce piove!